Giornata della Solidarietà 9 novembre 2019

Invito alla Giornata della Solidarietà 2019
4 Novembre 2019
Show all

Giornata della Solidarietà 9 novembre 2019

Come è attivo quel bene che non fa rumore mentre cresce 

La Giornata della Solidarietà è il momento in cui chi dona e chi riceve vuole dirsi <<grazie!>>. <<E’ il momento di dirci grazie: da loro a noi e da noi a loro>> ha detto Stefano Balsamo, Fondatore e Presidente Onorario di Canovalandia Onlus, in apertura dell’incontro, l’appuntamento annuale in cui tutti gli amici della rete della Solidarietà si ritrovano insieme. Un momento conviviale in cui amicizia, sofferenza e speranza si fondono in un momento speciale dedicato a distribuire i finanziamenti dei progetti e ascoltare il lavoro delle associazioni che assistono i più bisognosi. Sabato 9 novembre scorso ci si è ritrovati in tanti presso il ristorante Tanagra a Lungotevere Flaminio dell’amico di Canovalandia Akis Tanakis, per ascoltare dalla voce dei responsabili come è attivo quel bene che non fa rumore mentre cresce.

Le strutture sovvenzionate sono state presentate dai soci della Onlus che si occupano come tutor di seguire da vicino l’andamento, i bisogni e i progetti delle varie iniziative di assistenza ai bisognosi: dai bambini, ai portatori di handicap, dagli anziani soli alle donne vittime di molestie.

La prima a parlare è stata Teresa Poli Sandri che, anche a nome del marito Eolo, storico, iniziale Presidente della Solidarietà del Club, ha presentato la signora Laura Ugolini e una volontaria del Centro odontoiatrico “Solidarietà vincenziana” dove vengono fornite prestazioni odontoiatriche completamente gratuite. <<Devo ringraziarvi perché sento interesse per il nostro volontariato – ha detto la signora Ugolini – Il nostro Centro è una struttura unica nel suo genere a Roma e in 25 anni di attività i nostri 40 volontari hanno curato centinaia di persone, dato che ogni anno vengono assistite circa 800 persone ed erogate 2500 prestazioni odontoiatriche ad adulti e bambini>>. Il Presidente di Canovalandia, Francesco Saponaro ha consegnato la busta con il contributo economico stabilito anche per quest’anno, ringraziando per questa bella testimonianza.

Stefano Balsamo ha poi ricordato l’amico Renato Appuzzo, la mascotte della Onlus, (perché proprio per aiutare Renato, Stefano mobilitò i suoi amici circa 30 anni fa), assente quest’anno perché impegnato come relatore (!) in un convegno sulle disabilità. Nel suo messaggio agli amici, Renato spiega: <<da anni mi impegno per i diritti dei disabili, come voi siete impegnati nel campo della solidarietà, con garbo, senza farlo pesare a chi avvicinate. Donate amicizia e non fate sentire soli coloro che aiutate, fate sentire la vostra calda presenza a chi è solo e nel bisogno>>.

Roberta Pappatà, Consigliere, Segretario Generale della Onlus, ha presentato due giovani frequentatori della “Casa di Lorenzo”, Emanuele e la sua fidanzata Moira, testimonial della positività delle esperienze portate avanti da questa struttura in cui ragazzi e ragazze con sindrome di Down possono diventare autonomi e imparare a vivere da soli.

Gianluca Oricchio, responsabile del team di Canovalandia Onlus Milano, ribadendo che, come nello stile di Canovalandia << il 100% dei soldi raccolti va in assistenza>> ha presentato le tre strutture sovvenzionate: la “Ronda della carità” che visita e assiste senzatetto che passano la notte all’addiaccio nelle strade del capoluogo lombardo; l’associazione “CTIF -Cura e terapia per l’infanzia e la famiglia onlus”, che fornisce assistenza a bambini che hanno subito traumi e abusi; l’associazione “Cerchi d’Acqua” per il sostegno psicologico, medico, legale e professionale a donne che hanno subito violenze e cercano di ricostruirsi una vita, di rinascere  dopo le cicatrici dei drammi.

Sempre nel segno della positività e della resilienza che contraddistingue il modus operandi di Canovalandia, Edoardo Renzi, tesoriere Canova Club e Olga Lapis, Socia attiva Onlus, hanno presentato la struttura “Casa Chiara e Francesco” nata nel 2003 a Torvaianica come risposta ad una richiesta di aiuto ad una bambina che aveva subito maltrattamenti gravi in famiglia. Ospita attualmente otto bambini dai 6 ai 17 anni seguiti da psicologi, psicoterapeuti ed educatori che, come sottolinea il responsabile Alessandro Orsini <<stanno cercando di ricostruire la fiducia nel mondo degli adulti, di trovare equilibrio e stabilità, perché non diventino adulti che si trascinano dentro traumi non cicatrizzati>>.

Le frontiere dell’emarginazione e dei bisogni non risparmiano nessuna età e per quanto riguarda gli anziani diventano ancora più oscure e prive di prospettive. Ma non di speranza, come ha ben sottolineato Luciano Vannozzi, tutor della struttura delle Suore Missionarie dell’Incarnazione di Vermicino, che assistono donne anziane e sole.

Uno dei progetti che ha meritato una speciale attenzione del cuore è quello legato all’opera di una vita di Lucio Maria Pollini, attivo nella zona di Poggio Mirteto e Passo Corese. Nelle verdeggianti colline della Sabina molti anziani soli e malati hanno trovato un punto di riferimento nella struttura “Il Sicomoro” gestita da volontari come Marcello Lucantoni e già oggetto di finanziamenti da Canovalandia che proprio questa estate ha creato – grazie al socio Oliviero Franceschi – un nuovo impianto docce per portatori di handicap. Nuovi progetti potenzieranno il corpo centrale de “Il Sicomoro” per fare sì che un numero sempre maggiore di persone bisognose possa trovarvi riparo e conforto.

E poi ancora la testimonianza di una delle persone più care agli amici di Canovalandia: suor Maria Carla che malgrado la sua non verde età ha ancora la forza e l’entusiasmo per occuparsi del Centro Docce di san Martino ai Monti, dove anche grazie all’aiuto di molti volontari (come Maurizio Cuscinà tra i fondatori di Canovalandia Onlus), un barbiere, alcune signore che riparano e lavano i vestiti), molti senza tetto riescono a lavarsi (col consumo di 13mila euro di acqua l’anno e di duemila euro di saponi e detersivi! Incredibile ma vero e documentato).

Grazie all’intervento in opere, oltre che finanziario, di Oliviero Franceschi, Consigliere Onlus, le Docce hanno rimodernato la struttura, compreso l’impianto di un’indispensabile cappa aspira-vapore per eliminare l’umidità dal vano doccia, che Suor Maria Carla non ha finito mai di lodare.

Sussidi sono stati anche erogati alle Suore Missionarie dell’Incarnazione di Vermicino, alla costruzione della scuola primaria nel villaggio di Muyeye in Kenya di cui si sta occupando lo stesso, infaticabile, Oliviero Franceschi.

e In chiusura, un finanziamento ad hoc all’associazione Ryder Italia per l’acquisto di assistenti virtuali per pazienti anziani che soffrono di solitudine e aiutare a combattere l’emarginazione ed il decadimento cognitivo. Alexa, questo il nome del dispositivo radiotrasmittente portatile ideato e distribuito globalmente dal colosso dell’e-commerce Amazon, è una stazione multimediale collegata a rete wifi dotata di intelligenza artificiale in grado di interfacciarsi con qualsiasi device (smartphone, tablet, pc…) per svolgere funzioni da assistente virtuale, che variano dall’informazione, all’intrattenimento, alla domotica, all’ausilio medico-sanitario.

Per questo ventaglio di realtà diverse e urgenti, il tema dei finanziamenti è un capitolo sempre aperto e la Solidarietà può stimolare la creatività. Ecco dunque due nuovi eventi in programma per i prossimi mesi per tenere sempre aperta la raccolta fondi: la serata di Natale presso i Musei Vaticani per il 12 dicembre prossimo e del 7 febbraio 2020 con il grande concerto “Mister Puccini” di Cinzia Tedesco presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma i cui proventi saranno devoluti a favore di Canovalandia Onlus.

Non possiamo concludere questa cronaca della Giornata della Solidarietà senza ringraziare chi ci ha “accompagnato” con la sua splendida voce, donando all’evento una nota, di armonia e raffinatezza nel senso autentico del termine. Un grazie speciale ad Erica Padula, nuovo acquisto della Onlus, vocalist jazz, che ha regalato ai presenti un saggio della sua notevole bravura.

Nei titoli di coda, ancora altri <<grazie!>> Per l’organizzazione a Maria Rosaria Broggi, Cicci Montiroli, Massimo Gradilone, Olga Lapis, Edo Renzi, Teresa Poli Sandri, coordinati da Roberta Pappatà; per il supporto logistico, Sabina Ciuffa e Fiamma Fiermonte; per il reportage fotografico della Giornata, Estella Marcheggiano; per la realizzazione del Calendario 2020 Rita Gattini e Maria Rosaria Broggi, per lo sponsor EDIPRO, Oliviero Franceschi e grazie ai molti altri che durante tutto l’anno sono le braccia al servizio della Solidarietà.

Miela&MR